Sinergie – Writing collective Exhibition

a4-flyer-arancio

 

Key Gallery & Astrofat Italia
Presentano:

Sinergia, in parte una mostra dedicata alla retrospettiva individuale e collettiva di ognuno di loro e in parte dedicata all’ inedito e alle ultime produzioni datate appunto 2015/2016.
I diversi supporti e le molteplici tecniche utilizzate per le opere sono un puro richiamo alla cultura street style, il richiamo intenso della cultura HIP HOP.
Una piccola parte di storia che racconta il writing dei giorni nostri, la cultura underground di Milano, unico linguaggio, espresso tramite lo studio attento del lettering denominatore comune in questa forma di espressione.

#WHEN

OPENING VENERDI’ 16 SETTEMBRE H 19
with DJSET by Vaitea Pachulski
DATE 9 SEPT- 15 OCT 2016
via Borsieri 12 Milano
MM2 Garibaldi MM5 Isola
ORARI KEY GALLERY: MAR -SAB 15-20

#HISTORY

Un piccolo stralcio di storia per capire meglio la storia dei nostri artisti: GUEN, NAIL, TALOM

In origine il nome della DCN era HNN, Hip Hop Nostrani Crew. La HNN fu fondata nel 1992 nella ZONA 9 di Milano da Fango, Hook, Slide, Ozono e Drop che utilizzavano uno stile definito Wildstyle, poi diffusosi anche a Milano negli anni 90’ grazie alla CKC Cru, alla TKA Cru e alla CYB Crew.
Nel 1994, in seguito all’uscita dalla Cru di alcuni elementi, l’HHN si sciolse e a questo punto Fango, Slide e Hook decidono di darle un nuovo nome: DCN, Di Casa Nostra Cru.
Guen: “E’ della DCN che ebbi l’onore di entrare a far parte a seguito di un lungo rapporto di amicizia che già mi legava ai suoi componenti”.
Nel corso del tempo altri si sono aggiunti alla DCN: Furto, Alpha, Vires, Neil, Zar, Out, Flaco, Rae.
“Tutti insieme abbiamo dato vita ad un percorso basato su aneddoti nati nel metrò e nelle yard durante lunghe nottate passate a bombardare Milano”.
In anni più recenti si sono aggiunti a noi anche Feb, Huren, Moca, Dru, Part 1 e Boms di New York.
Negli stessi anni, anche a Lambrate cresceva sempre più l’interesse per questa nuova forma di espressione artistica e i muri cominciavano a riempirsi di tag e trow up.
Nel 1989 Talom,Sedo, Virus, Orche, Stab, Cubo e TQAI fondarono la crew UK.

TALOM: “Non ci caratterizzavano per uno stile preciso ma ognuno esprimeva la sua creatività mixando stili e influenze, spinti dalla curiosità e dalla voglia di uscire dagli schemi. La nostra ammirazione per uno stile più “raffinato” e la nostra voglia di scoperta ci ha fatto avvicinare ai Tgf, una crew fondata nel 1991 da Styng 253 e Kez con Coke, Booz, Faro, Causa, Lewis, Skyf, Shan, Waste e Orzo, mixando stili di lettering innovativo per quegli anni, i Tgf hanno influenzato la scena stilistica.

Queste sono le sinergie che hanno scritto la storia del writing meneghino.

# DJ HISTORY – MISS VAITEA

Si appassiona di vinili all’etá di 6 anni. Adolescente, entra in contatto con svariati generi, ma la musica reggae e la cultura Hip Hop la colpiscono in particolar modo. Il primo dj set avviene nel 1996, al compleanno
del suo mentore Top Cat (Zero Stress, Radical Stuff).
Pian piano, alla carriera di MC trilingue, Vaitea affianca quella di dj, esclusivamente in vinile ” per ragioni etiche “, dice.
Negli anni, lei e la sua borsa di dischi suonano in giro per Italia, Francia, Svizzera e UK, spaziando tra soul, jazz, funk, disco, bossa, reggae, dancehall, house e naturalmente hip hop e r&b, su 12″ e 7″.
Dai locali piú underground ai festival internazionali, condivide la console con svariati dj, tra cui Dj Vadim, Mrs Marcia Carr, Dj Kame, Dj Cosh (Starwax)…
In parallelo, collabora con numerose radio in Italia e Uk. Nel 2007, usando il disco come supporto creativo, Vaitea si avvicina anche al mondo dell’arte, con i suoi vinili in 3D e la mostra “Vee’s Vinyl art”.
Il gusto e la selezione sempre ricercata, fanno sí che sua musica venga ricercata anche da noti brand (Adidas Originals, Fornasetti, 55DSL, Eataly…).

Alla Key Gallery, Vaitea porterá il meglio della Golden Age, musica per puristi e non…e naturalmente qualche sorpresa!

TNX FOR THE GRAPHICS Herotech

FORMAZIONE FLYCAT – Solo exhibition

Flycat

FORMAZIONE FLYCAT
Solo Exhibition

17 Marzo -7 Aprile 2016
Inagurazione giovedì 17 Marzo H 19
KEY GALLERY, via Borsieri 12 Milano

Flycat, all’anagrafe Luca Massironi è riconosciuto come figura di spicco del panorama Hip Hop e Graffiti Art internazionale. La forte carica emotiva che da sempre lo contraddistingue, lo ha portato al di là di quelli che possono essere gli schemi pre-definiti del graffitismo, collaborando con diversi artisti appartenenti ad altrettanti diversi modi di “creare”, spaziando così dalla fotografia alla grafica, dalla musica alla poesia, al giornalismo, dal design alla video art e alla moda. La sua carriera inizia nei primi anni ’80. Dal ’90 si confronta con i grandi maestri della scena newyorkese dell’Arte Urbana. Dal 1995 trascorre lunghi periodi a East Los Angeles, California, collaborando con alcuni tra i più noti artisti della West Coast tra cui Chaz Bojorquez, Retna, ed il poeta Luis J. Rodríguez. Sempre a Los Angeles registra il suo terzo album Hip Hop uscito nel 2006, dal titolo: Our Sign, prodotto dalla formazione statunitense “The Psycho Realm-Sick Symphonies”. Nel 2010, l’artista di New York “Rammellzee” (1960-2010) lo nomina suo discepolo conferendogli il grado di “Y-1”, difensore della 25ª lettera. Nel 2012, diviene l’immagine uomo per la collezione di Les Copains. 2013, crea il proprio Manifesto: Futurismo Celeste.

”I segni dell’alfabeto non furono stabiliti dall’azzardo o dal capriccio dell’uomo,bensì dall’intervento divino, cosa che li fa convenire e concordare con i corpi celesti.”
Agrippa von Nettesheim

Orari Key Gallery
Martedì – Sabato 15 / 19.30

—> evento Facebook

Per informazioni
coco@associazionecarmilla.com
3669887375

Formazione Flycat-1

“Intimacy” di Serena Giorgi alla Key Gallery

Intimacy

L’associazione culturale Carmilla è lieta di invitarvi alla mostra:

Intimacy

Vernissage Giovedì 18 Febbraio 2016 ore 19
presso Key Gallery, in via Borsieri 12 Milano

Il lavoro di Serena Giorgi è una pratica quotidiana intensa e totalizzante. Vecchie carte, matite,disegni, fogli dipinti, pagine di diario, spaghi e fotografie, tutto viene raccolto e lavorato con metodo artigianale, in un processo rispettoso e creativo.
Le carte sono usate e stropicciate, le parole ridotte a coriandoli, i manifesti e le pagine vengono strappati, così che le immagini e le frasi, con i codici sociali che veicolano, sono scomposti, la narrazione viene frantumata in un caleidoscopio di tessere, a sua disposizione per creare un mosaico inedito.
Il materiale viene allora riordinato, fortificato e strutturato, prendendo vita come monumento di carte, torre di agende o libri-scultura, assemblaggi. In questi ready made allegri e bizzarri, che uniscono le dinamiche pop alle esperienze dadaiste, la presenza potente dell’opera è un portato della fisicità dei materiali e del processo di trasformazione.
La sua poetica nasce letteralmente da questa capacità di “fare” – poiéin – ossia creare,comporre, generare. Collages, dipinti materici e installazioni riflettono una società satura di beni di consumo, che invece di apportare valore riempono l’esistenza in modo ingannevole.
L’ironia con cui lanciano dubbi e quesiti esistenziali – “esiste la perfezione?”, “which direction?”,oppure “tu ci credi all’aldilà?”, ma anche “terra da madre a figlia di nessuno” – rivela la necessità di una riflessione profonda, che conduce a scelte etiche e valori.Il volto e lo sguardo che ricorrono in molti lavori sono metafora del guardare il mondo, la natura e il paesaggio, ma soprattutto del guardarsi dentro. La sua riflessione sull’identità assume declinazioni e qualità del femminile: il processo creativo come gestazione, la sensualità fisica dei materiali, la protezione della fragilità, la grazia dell’ironia.
L’artista nell’ultima fase del suo lavoro sviluppa il rapporto con il sé e, dopo aver sondato lo scarto tra percezione e verità interiore con “Misunderstanding” (2014), affronta un’indagine più profonda e coraggiosa, che getta luce sull’intimità, esplora i segreti che ciascuno tiene nascosti come grovigli di sentimenti in stanze chiuse.
Qui si scoprono i labirinti del cuore con fili che non si dipanano, le parole scritte a sé stessi e mai ascoltate, la fragilità di momenti vissuti e ormai consumati come pagine sottili, il bisogno di proteggersi voltando la carta all’esterno. In questo nucleo vulnerabile dell’intimità sta la bellezza dell’essere umano, sembra dirci l’artista. L’esperienza di scoprirla nel profondo è il processo che affida all’arte come percorso rivelatore, un’esperienza cui affidarsi per generare coscienza del presente.
Federica Lessi

 

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 3 Marzo 2016
con i seguenti orari:
da martedì a sabato 15-19
domenica su appuntamento

info: 3669887375coco@associazionecaarmilla.com

Intimacy

ZOE – reFRESHink – solo exhibition

Gallo_sito

ZOE – reFRESHink – SOLO EXHIBITION

Key Gallery presenta la prima mostra personale di reFRESHink a Milano.

Vernissage: 12 Novembre h. 19.00-22.00

Zoe ( ζωή), è il termine greco che significa “vita”, ma con un significato più esteso rispetto a Bios (βιος): Zoe è forza motrice, è la vita che noi umani condividiamo con le altre specie animali e vegetali e che va oltre al limite del nostro punto di vista e della nostra percezione. Zoe incorpora Bios ed è un concetto collettivo che include ogni singola
esistenza.
reFRESHink, con le sue opere, su muro, su tela o altri supporti, sembra cogliere e ritrarre l’energia primaria di questa forza essenziale che scorre dentro i movimenti e gli sguardi di animali – principalmente galli, pesci, volatili – e fiori – le ormai celebri margherite; essi saturano lo spazio con la loro presenza e la loro bellezza. I colori accesi, le colature, le
esplosioni di materia e le linee aperte si contrappongono alle geometrie e alle forme chiuse creando dunque, all’interno della superficie dipinta un invitante e dinamico gioco dialettico.
#WHO
reFRESHink (Giovanni Magnoli) è nato ad Arona nel 1971.
Ottenuto il diploma alla Scuola di Grafica, lavora inizialmente come serigrafo, specializzandosi nel settore. In seguito intraprende l’avventura di freelance dedicandosi alla progettazione grafica, al web design, alle decorazioni, all’illustrazione e alla fotografia. Ma il vero slancio creativo risale ai primi anni ’90, quando si avvicina alla tecnica del
writing e inizia (per non smettere più) a eseguire graffiti. Da subito tra i soggetti maggiormente ricorrenti si individua “This! Is a Fresh daisy“ una suntuosa margherita stilizzata che viene declinata sia su muro che su sticker e t-shirts, ma sopratutto su una serie di tele (a oggi un centinaio) di misure e stili eterogenei, che mantengono però il particolare segno che la caratterizza come una delle sue principali icone. Negli anni reFRESHink ha maturato un peculiare stile, sfidando e oltrepassando gli stilemi classici del graffito (lettere, personaggi, puppet) alla ricerca di linguaggi iconografici più complessi e stratificati. Al consueto spray affianca interventi a pennello, talvolta sperimentando tecniche miste, dal collage alla serigrafia.
L’esperienza vissuta lavorando in luoghi abbandonati lo porta a dipingere reinterpretandoli – soggetti che traggono ispirazione dal mondo naturale. Al 2009 risale il suo primo “gallo”, ormai riconoscibile insieme agli altri suggestivi animali dipinti a colori sgargianti, colature, materia densa, ai quali l’artista giustappone elementi formali, figure
geometriche e scritte. Sguardi fieri, espressioni talvolta aggressive e mai dimesse e formati monumentali paiono volerci fare riflettere sul nostro “essere umani”.
reFRESHink partecipa a Festival, kermesse e live paintingt in Italia e in Europa. Tra le partecipazioni più recenti ricordiamo quella per Energy Box, presso la Fabbrica del Vapore, Milano, il Live painting/mostra Underground effect presso La Défense, Parigi, il festival Amazing Day a Milano, il festival Mistura alla stazione Stura di Torino e il live painting Streetplayers all’ ippodromo di SanSiro.

KEY GALLERY, via Borsieri 12 Milano
Date: dal 12 novembre al 3 dicembre 2015
Orari KEY GALLERY: da martedì a sabato h. 15.00-19.00
info: 366 9887375
coco@associazionecarmilla.com

A6-fresh-via

Last Minute – Collective Exhibition

Lastminute
KEY GALLERY
Associazione Carmilla in collaborazione con Stazione Arte
presentano:LASTMINUTE – Collective Exhibition

Una nuova formula di mostre lampo, una fotografia istantanea sull’artista,una nuova forma di collettiva, un rapido punto di incontra tra StreetArt e arte contemporanea.
Quattro strade, quattro percorsi, quattro artisti.

#WHO
DOMENICO ANGIONE
Nasce a Molfetta il 17 Novembre del 1979 da padre italiano e madre spagnola. La creatività e la poesia del quotidiano, lo affascinano da sempre. Dopo gli studi al conservatorio di Bari, sente la necessità di nuovi linguaggi. La grafica e il disegno accompagnano Angione durante tutto il periodo universitario, alimentato dal fermento artistico di Bologna e Roma. L’amo…re verso la street art e i movimenti underground lo spingono a trasferirsi spesso: Barcellona, Milano, Londra, Palermo, Roma e Berlino. Quest’ultima lo affascina particolarmente, soprattutto per la moltitudine di artisti che la frequentano. Il suo quartiere preferito è Kreuzeberg dove il famoso ponte diviene la sua galleria personale. Ottiene uno spazio al Tacheles e lavora per il movimento Jam Obsession, tanto che ora i muri del Mixz Club portano la sua firma. Ora vive a Losanna, dove dipinge e organizza eventi d’arte.

ERICS ONE
Il suo stile peculiare è stato definito ” street cubism” poiché caratterizzata da volumi geometrici , linee chiare e nitide , in grado di valorizzare le debolezze dei personaggi che rappresenta.
Attraverso questo processo si può raggiungere con successo il suo obiettivo dando vita a soggetti ironici , originali e talvolta grotteschi.

TAWA
Il suo lavoro si caratterizza attraverso simboli calligrafici che, mediante lo studio dell’anatomia delle lettere, vanno a creare una colonna vertebrale all’interno dell’opera ottenuta grazie alla sovrapposizione e allo “stracciamento”(allungamento) delle lettere del suo nome. Questo studio è l’evoluzione e l’essenza di un percorso già intrapreso fin dai tempi del writing in strada dove l’artista conferiva ad ogni lettera una struttura ossea ed organica. Alla parte stilistica del segno si accosta la potenza del gesto e l’espressività della materia, ed è proprio con quest’ultima che l’artista vuole reinterpretare nelle sue opere frammenti di uno scenario urbano come richiamo alle origini del suo percorso artistico.

THOMAS MUSTAKI
E’ un giovane artista autodidatta, nato in Svizzera nel 1990. Le sue opere riflettono le sue domande e i suoi dubbi quotidiani. I colori accesi, quasi fosforescenti, simbolizzano la lotta. La battaglia giornaliera regala al suo lavoro sincerità e autenticità. Le sue creazioni sono caratterizzate da un’emozione cruda, ma non premeditata. Il risultato è una pittura intrigante ma vera. La sua arte è aggressiva e fulminea, meditata e colta, con soggetti carichi di allusioni e riferimenti profondi. Le immagini metaforiche giustapposte al testo creano un linguaggio visuale unico.

Vernissage Sabato 17 ottobre h.19

Zedz Blackbook Unveiled

Zedz

ZEDZ BLACKBOOK UNVEILED.
Book release, gallery show, intervention and exhibition

La mostra di Zedz alla Key Gallery si evolve intorno alla presentazione del suo primo libro personale pubblicato in modo indipendente.
In mostra una serie di opere forniranno la chiave di lettura del libro nella giusta prospettiva.

Il libro presentato da Zedz non è una monografia o un comune libro illustrato e’ invece un’opera progettata per apparire come un vero e proprio Sketch Book, sottolineando l’aspetto grafico, fotografico e tipografico.
I libri sono stampati in una edizione limitata di 750
copie e ogni libro è numerato ,firmato e personalizzato.
Il libro dimostra e svela 25 anni di devozione all’Aerosol Art ed
al tempo stesso mostra la passione dell’artista per il 3D e l’architettura e dimostra come Zedz segue un percorso di astrazione.
All’interno del libro ci sono centinaia di sketch che mostrano il graduale cambiamento di approccio di Zedz verso le idee.
Anche se non c’è un testo scritto è possibile “leggere” il libro attraverso lo sviluppo e la progressione del lavoro.
Le opere esposte nella galleria danno un’idea dello sviluppo
di Zedz dall’Aerosol art all’Astratto. Nella mostra vengono esposti inoltre una serie di piccoli sketch di graffiti realizzati sui biglietti di trasporto ATM (milano).
Questi piccoli disegni fanno un riferimento diretto al contenuto del libro, e mostrano uno sviluppo e una ricerca,oltre a descrivere la preferenza degli artisti per la rete di trasporti pubblici come tela.
Una serie di Serigrafie recentemente prodotte a Tokyo mostrano chiaramente il percorso verso l’astratto.
In mostra ci saranno inoltre alcune fotografie fatte dal famoso e iconografico fotografo americano Jon Naar (NYC), che dovrebbe fornire il contesto per un riferimento storico
diretto dell’iniziale graffitismo di New York come punto di partenza per la forma d’arte che conosciamo oggi come Writing/AerosolArt.
Zedz lavorerà sui libri (personalizzandoli) presso la galleria ogni giorno dalle 12:00 alle 20:00.

Evento Facebook:
https://www.facebook.com/events/1706140079609239/

Thanks to Partyadvisor:
http://www.partyadvisor.it/zedz-blackbook-unveiled/

Press:
scarica comunicato stampa PDF 
Info:
coco@associazionecarmilla.com
t 3669887375

outemat

Ableton Live 9 e Computer Music – workshop base

Ableton Live 9 & La Computer Music – Workshop Base
c/o Key Gallery
Il corso si terrà nella seconda o nella terza settimana di ottobre a seconda delle richieste..con inizio delle lezioni alle ore 19:30
Vuoi sapere chi terrà il corso, vero?
Bene vai su www.outematmusic.it e schiacciando il tasto CHI SIAMO puoi vedere l’Outemat Music Staff

Per maggiori informazioni e per iscrizioni scrivi ad:

outemat@gmail.com

oppure puoi scrivere un messaggio in FB sulla pagina:
https://www.facebook.com/outematmusic


La durata delle lezioni ha un minimo garantito di 3 ore, non vi è problema alcuno da parte della docenza ad allungare se necessario il tempo delle spiegazioni, motivo per cui ti consigliamo di tenerti libero nell’ora successiva alla fine delle lezioni.

Essendo Key gallery in pieno quartiere Isola, durante la lezione si ha il permesso di uscire ad ordinare un cocktail e consumarlo all’interno della lezione, consigliamo una gradazione alcolica moderata.

Il Workshop Base proposto da Outematmusic è una formula ridotta e intensiva del corso completo “Ableton Live 9 & La Computer Music”.
Il Workshop è diviso in 2 moduli da 3 ore ciascuno. E’ dedicato a chi vuole avere un primo approccio al software e desidera scoprire le sue potenzialità e la sua versatilità per la produzione e per le performance live.
Particolarmente indicato ad i “newbies” per ottenere una solida base dei concetti cardine di Ableton Live 9 ed avere una cognizione più chiara in merito ad una attrezzatura necessaria per una produzione di tipo home studio.

// Tutte le spiegazioni teoriche prevedono
l’ accompagnamento di esercitazioni pratiche //

Ecco i punti chiave in cui si sviluppa il workshop:

DAY 1

1. Project studio: sintetizzatori e controller, master keyboard, interfacce audio, outboards e monitor. Flussi di segnale fra le apparecchiature
2. Signal flow in un mixer e Quick Signal flow in Live
3. Session view & Arrangement view; peculiarità ed interazione
4. Clip Audio, Clip MIDI, MIDI Base
5. Registrazione audio e MIDI

DAY 2
1. Preferenze
2. Scrittura MIDI Base
3. Modalità di Launch
4. MIDI mapping, Key mapping e Basic mapping
5. Live Session in cui si mettono in pratica le nozioni apprese

skizo

Scratch with DJ SKIZO

STAGE KEY GALLERY 2015 DJ SKIZO plus Guests

DJ SKIZO SCRATCH ACCADEMY

SABATO 26 SETTEMBRE / h.17.00 – 20.00

AREA SCRATCH
1) Cenni storici sulla creazione e sviluppo dello scratch nel corso degli anni
2)introduzione alla scuola italiana e suo stile
3)Approcio allo strumento per i novizi e cenni basici dell’architettura dello stesso
4) Spiegazione della metodica di studio dello scratch
5) Introduzione tecniche base per novizi
6) Spiegazione combo basiche
7) Tecniche avanzate per esperti
8)Creazione delle tecniche

AREA BEATMIXING
1) Cenni sul mixaggio
2) Trick mixing
3) Body tricks
4) Creazione routine

STORIA DELLA MUSICA
1)Cenni sulla storia musicale che ha giocato un ruolo importante nello sviluppo del ruolo del DJ .

AREA PRODUZIONE
1)Cenni su serato /tractor
2I introduzione a logic
3)Cenni teglio sample produzione e mixaggio
4)Consigli utili per mastering

Durante lo svolgimento ci sara’ la possibilita di interagire con i docenti e di provare di persona.

INGRESSO:
tessera associazione carmilla (5€) + 5€

per info:
coco@associazionecarmilla.com

Links:

https://badnewzmusic.bandcamp.com/music
https://soundcloud.com/alienskizo
www.alienarmycrew.com
skizo1.blogspot.com